Archivi categoria: Torte

La mia torta preferita: crostata ripiena di fragole

Eccola…e’ lei, l’unica inimitabile crostata ripiena di fragole…detta cosi’ non rende.

Una volta assaggiata entrerete in un tunnel senza fine, quindi vi avviso, una volta mangiata non ne uscirete piu’. Come me insomma.

Questa torta l’ho scoperta anni fa, da una pasticceria che ora non frequento piu’ per motivi personali (e’ del mio ex) e non l’ho piu’ fatta fino a sabato, quando sono andata al mercato ortofrutticolo di Bergamo e ho trovato le fragole praticamente regalate, cioe’ a 0,60 cent al chilo…beh ne ho prese 10 chili!

E mi e’ subito venuta in mente la mia torta…anni di astinenza…e perche’ non farla io a casa? Beh non era molto difficile da fare, anzi piu’ ci penso piu’ la mia salivazione aumenta, piu’ mi vengono in mente i passaggi da fare e mi dico:” ma e’ una stupidata!!!!!”

E cosi’ nel pomeriggio ho sfornato due belle torte profumate, perfette, semplici, e la sera una e’ quasi finita, e la seconda e’ finita la domenica.

Provatela…ve ne innamorerete!!!

72306_10200896346721000_1225190200_n

Ingredienti :

pasta frolla fatta con 500 gr di farina

1 confezione di biscotti digestive

3 vaschette di fragole

crema pasticcera fatta in casa o 1 confezione di crema pasticcera tipo cameo (due buste)

 

Accendete il forno a 180°.

Preparate la crema pasticcera come fate solitamente.

Lavate e tagliate le fragole a pezzetti.

Togliamo dal frigo il panetto di pasta frolla che abbiamo preparato precedentemente.

Ricoprite il fondo della teglia con carta forno.

Ricavate un disco con meno della meta’ della frolla della misura della teglia e appoggiatelo sul fondo.

Per questa operazione prendere un foglio di carta trasparente, appoggiarci la frolla, e sopra un altro foglio di carta trasparente, appiattire con un mattarello per dargli la forma, poi sollevare delicatamente il primo strato di carta, con attenzione rovesciare il disco nella teglia e togliere anche il secondo strato.

Poi con pezzi di frolla sempre appiattita nello stesso modo fate il contorno della teglia alto quasi come la teglia.

Distribuite i biscotti digestive cercando di riempire bene ogni spazio vuoto, poi sopra versateci le fragole a pezzetti, e sopra la crema pasticcera.

Ora ricavate un altro disco di frolla un po’ piu’ grande del bordo teglia e appoggiatelo sopra la torta, chiudendo bene i bordi e bucherellandolo con i rebbi di una forchetta.

Infornate per almeno 40 minuti, e se vedete che la superficie prende troppo colore metteteci un foglio di carta alluminio sopra.

Quando la cottura e’ finita, sfornatele ma lasciatele ancora nelle teglie fin quando son fredde, poi con un coltello staccate dal bordo la pasta. Puo’ essere mangiata anche tiepida con una pallina di gelato.

599097_10200896382561896_1157404653_n

Annunci

Quatre-quartes cioccolato e lamponi

Complice un’offertona trovata al mercato ortofrutticolo di Bergamo, ho preso i lamponi, anche se non e’ proprio stagione, ma una cassetta, formata da 8 scatolette, a 3 euro era un’occasione unica!

E io adoro i lamponi, soprattutto col cioccolato, e questa torta facile e veloce e’ un’ottima soluzione per unire questi due ingredienti!

Quatre-quartes cioccolato e lamponi

torta cioccolamponi

– 250 gr di burro morbido (deve avere la consistenza di una pomata, quindi toglietelo dal frigo almeno un’oretta prima)

– 250 gr di zucchero

-5 uova medie (o se volete essere precisini 250 gr)

-50 gr di cacao in polvere

-200 gr di farina bianca 00

-una bustina di lievito in polvere per dolci

-2 vaschette di lamponi

L’ideale e’ avere un’impastatrice, perche’ piu’ viene impastato e areato l’impasto piu’ viene soffice.

Mettere il burro morbido nell’impastatrice, aggiungere lo zucchero e far lavorare a velocita’ media-bassa fin quando diventa di un bel colore bianco. Poi aggiungere le uova, una per volta, facendo assorbire all’impasto prima di aggiungere la successiva.

Inserire la farina con il lievito e il cacao, a cucchiaiate, poco per volta. Far andare a velocita’ 2 per qualche minuto.

Imburrare e infarinare una teglia per torte (io ne ho usate due piccole) e versarci l’impasto.

Appoggiarci sopra i lamponi, abbondanti, e infornare per 45 minuti a 180°.

I lamponi miei sono tutti finiti sul fondo, quindi l’ideale sarebbe poi capovolgere la torta cotta e spolverarla di zucchero a velo, oppure colarci sopra del cioccolato!

torta cioccolamponi2


Torta di prugne blu

E’ stagione.

Prugne blu a quintali dalle piante. Come solito.

Ma si sa…non e’ che una persona puo’ ingurgitare prugne dal mattino alla sera, conosciamo tutti gli effetti collaterali giusto?

Dunque tortizziamo!

Questa e’ una ricetta facile facile, inventata cosi’ sui due piedi, che prevede l’uso di una ventina di prugnette blu che si sciolgono nell’impasto!

TORTA DI PRUGNE BLU

– 250 gr di burro morbido

– 4 uova

– 250 gr di farina

– 250 gr di zucchero

– un cucchiaio di sciroppo d’acero

– una bustina di lievito per dolci

– un cucchiaino di estratto di vaniglia (o una bustina di vanillina se non avete altro)

– 20 prugnette blu tagliate in due e senza nocciolo

– un cucchiaio di zucchero semolato

Mettete nell’impastatrice (o a mano in una ciotola) lo zucchero e il burro con le uova, fate andare a velocita’ uno fin quando si e’ ben mescolato, poi passate alla velocita’ 2-3 per montare leggemente.

Poi unite poco per volta la farina setacciata con il lievito, mescolate fin quando il composto e’ liscio, aggiungete infine lo sciroppo l’acero e la vaniglia.

Imburrate e infarinate una teglia coi bordi alti (non da crostata per intenderci) e versateci il composto.

Disponete sopra le prugne come piu’ vi aggrada e spolverate con una cucchiaiata di zucchero semolato.

Infornate per 1 ora circa a 180°, ma fate la prova dello stuzzicadenti, quando la torta e’ asciutta dentro e’ cotta!


Torta di grano saraceno con mandorle e marmellata di fragole

Ho trovato questa ricetta sul libricino “Ricette di masi, malghe e castelli delle valli e delle nostre montagne” si Arsenale Editore, comprato anni fa ad una fiera e sfogliato ogni tanto. Non ho modificato nulla, se non nel tipo di marmellata, perche’ la ricetta diceva di mettere quella di mirtilli che piu’ si addice, ma avevo da consumare un barattolo di marmellata alle fragole e cosi’ ho cambiato!

Vi metto la ricetta pari pari:

Torta di grano saraceno con marmellata di fragole

-250 gr di farina di grano saraceno

– 250 gr di burro

-250 gr di zucchero

-6 uova

-250 gr di mandorle spellate

-1 bustina di lievito per dolci

-1 bustina di vanillina o un po’ di vaniglia 

-500 gr di marmellata di fragole

-50 gr di zucchero a velo.

Lavorate il burro a temperatura ambiente con 150 gr di zucchero, poi aggiungete i tuorli uno alla volta fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere un pizzico di sale, la farina, le mandorle tritate, il lievito e la vaniglia e continuare a lavorare l’impasto.

A parte montate gli albumi a neve ferma e aggiungeteci lo zucchero rimanente.

Poi unire gli albumi montati con lo zucchero al composto di farina e mescolare delicatamente.

Imburrare e infarinare una teglia e versarvi il composto, poi mettere in forno a 180° per circa un ora.

Fate la prova stecchino, se esce asciutto e’ pronta.

Fatela raffreddare su una gratella. Quando e’ fredda tagliatela orizzontalmente, spalmatela di marmellata e richiudetela, spolverate di zucchero a velo e sbranatela!


Torta integrale di mele e castagne bollite

Penso che sia la torta di mele piu’ riuscita in anni di esperimenti…giuro, non sto scherzando! Perche’ in effetti questa torta e’ nata un po’ per scherzo, cosi’:

Apro il frigo e “Ops mannaggia sta per scadere la farina integrale, e ora?” .

In casa dei miei avanzavano delle castagne bollite, 5 belle mele ed il gioco e’ fatto!

Ho preso spunto da una ricetta dal libro “torte di mele”  di Tommasi Editore e l’ho modificata a mio piacimento.

E’ molto semplice e veloce, insomma se avete poco tempo per preparare fatela, potete anche servirla tiepida con una pallina di gelato…mi sto leccando i baffi al solo pensiero, anche se me ne sono mangiata una fetta ma ho proprio pensato tra me e me: ” cavolo qui ci starebbe bene il gelato”!!

TORTA INTEGRALE DI MELE E CASTAGNE BOLLITE


1 Kg di mele

una trentina di castagne precedentemente bollite

3 uova

180 gr di zucchero

50 gr du burro fuso

160 gr di farina integrale

2 cucchiai di rhum

2-3 cucchiai di latte

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

1 bustina di lievito

 

Sbucciamo le mele e le tagliamo a fettine sottili sottili, le mettiamo in un recipiente insieme alle castagne bollite leggermente schiacciate per romperle in pezzi piccoli.

In una ciotola mettiamo le uova e 100 gr di zucchero, sbattiamo e aggiungiamo la farina, il latte, il rhum, la cannella e il lievito. Mescoliamo fin quando abbiamo un bel composto liscio.

Aggiungiamo al composto la frutta e con un mestolo di legno schiacciamo bene per far amalgamare il tutto.

Imburriamo e infariniamo una teglia per torte, versiamoci l’impasto, livelliamo un po’ col il mestolo.

Facciamo sciogliere il burro.

Spolveriamo la torta con 80 gr di zucchero e spra ci versiamo il burro fuso caldo.

Inforniamo a 180° per un’ora.

Si puo’ servire tiepida accompagnata da una pallina di gelato.


Il Tiramisu’ al melograno

Settimana scorsa ho trovato 3 grossi melograni, comprati, strano ma vero, perche’ io di solito non compro mai frutta e verdura, se non in rarissime occasioni. Oggi mi sono decisa ad usarli per un buon tiramisu’ alternativo, come piace a me alla frutta.

Per il tiramisu’ per circa 6 persona bastano anche due melograni. Dovete avere il passaverdura, io ho quello manuale.

Sgranate i melograni raccogliendo i chicchi in una ciotola, poi passateli al passaverdure aliminando i nocciolini interni amari. Versate il succo in una ciotola.

Ingredienti per la crema di mascarpone:

500 gr di mascarpone

150 gr di zucchero

4 uova

Questa e’ la classica crema al mascarpone che va bene per tutti i tiramisu, facile facile, dovete montare gli albumi, con 50 gr di zucchero e quando sono belle solide le mettete in un contenitore, poi montate i tuorli con i rimanenti 100 gr di zucchero e aggiungeteci poco per volta il mascarpone. Poi unite i due impasti delicatamente e la crema e’ pronta.

Prendete una confezione da 400 gr di savoiardi, inzuppateli nel succo del melograno e disponeteli in una pirofila trasparente o nelle ciotoline se volete fare le monoporzioni.

Alternate crema e savoiardi inzuppati fino ad arrivare all’ultimo strato mettendo la crema e alcuni chicchi di melograno come decorazione.

E’ piu’ buono mangiato dopo un po’ di ore o il giorno dopo, perche’ i savoiardi si inzuppano bene di crema e sughetto del meograno.


Torta veloce con uvette e noci

Questa e’ l’unica fetta rimasta dopo il passaggio bisontico dei parenti!!!

Accontentatevi di vederla cosi’, nulla posso contro la furia distruttiva e mangereccia di 5 golosoni!

Almeno ho salvato la ricetta, prima che mi mangiassero pure quella :), presa sempre dal dizionario enciclopedico della cucina italiana ma con qualcosa modifica svuota-dispensa.

Torta semplice con uvette

– 250 gr di farina 00

– 50 gr di fecola

– 200 gr di zucchero

– 125 gr di burro

– 75 gr di latte intero

– 2 uova

– 1 tuorlo

– 1 bustina di lievito

– una manciata di uvette

– una manciata di noci sgusciate

Impostate il forno a 180° cosi’ avra’ il tempo per scaldarsi.

Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente e buttate tutti gli ingredienti, a parte il lievito, in una ampia ciotola e mescolate con un cucchiaio di legno. In alternativa buttate nella planetaria e fatela lavorare per qualche minuto fin quando si ottiene una pastella liscia. Rompete grossolanamente i gherigli di noce e buttateli nell’impasto. Aggiungeteci il lievito e mescolate bene.

Ora imburrate e infarinate una teglia, versateci il composto e informate per 30 minuti (a me e’ servito meno perche’ la torta era bassa causa teglia grande. Comunque fate sempre la prova stecchino!!! Verso fine cottura se bucando la torta in centro con lo stecchino, questo esce asciutto, spegnete perche’ e’ cotta!

E’ una torta semplice, veloce, ma buona per accompagnare un buon passito, o da inzuppare nel latte la mattina.

Per chi non ama le uvette potete anche evitare di metterle!